DI PIETRO: SIAMO A PUNTO DI NON RITORNO, PEGGIO DEL ’92

(AGI) – Carrara, 19 gen – “Siamo ad un punto di non ritorno, peggio del 1992”. Lo ha detto il Ministro alle Infrastrutture, Antonio Di Pietro, parlando con i giornalisti a margine di ‘Tour.it’, salone sul turismo itinerante, in corso a Carrara.
  “Nel ’92 – ha detto ancora Di Pietro – abbiamo scoperto un sistema del malaffare, basato sulla tangente, sulle concussioni, sulle corruzioni. Fatti penalmente rilevanti, con cui i partiti usufruivano di risorse per conquistare il mercato del voto. Oggi c’e’ un sistema per cui il mercato del voto viene conquistato non tanto e non solo per meritocrazia, quanto per conquista dei posti di potere da cui scaturisce un mercato del voto, a volte imposto, a volte venduto, a volte comprato, a volte lottizzato.
  Insomma – ha concluso il Ministro – un sistema che mette a dura prova il sistema democratico del paese, perche’ alla fine poi ci si trova ad essere governati da persone che non sono la diretta espressione della loro qualita’, ma espressione del posto e dei ruoli che ricoprono”. (AGI)

DI PIETRO: SIAMO A PUNTO DI NON RITORNO, PEGGIO DEL ’92ultima modifica: 2008-01-20T14:26:08+01:00da meritocrazia
Reposta per primo quest’articolo