Mal di merito. L’epidemia di raccomandazioni che paralizza l’Italia

  

La raccomandazione raccontata e denunciata nel libro di Giovanni Florsi che non risparmia nessuno per questo virus dilagante tutto italiano e che non muore mai.

Prossimamente in libreria sarà in vendita il nuovo libro di Giovanni Floris, Mal di merito. L’epidemia di raccomandazioni che paralizza l’Italia, edito dalla Rizzoli.

Un libro sulle raccomandazioni è sempre attuale purtroppo nella nostra Italia, ma bisogna convenire con l’autore che quest’usanza sembra proprio non voler cadere in disuso qui da noi, anzi trova di giorno in giorno, forza in se stessa per andare avanti.

“Mal di merito” si presenta come la giusta combinazione tra inchiesta, denuncia e resoconto di vita vissuta e non risparmia nessuno. In effetti, per essere giunti nella situazione lavorativa stagnante nella quale ci troviamo, di qualcuno deve essere pur la colpa: forse della generazione del ’68, o degli ex rivoluzionari che sono stati bravi ad impadronirsi di posti di potere e a non mollarli più.

Floris ne ha per tutti e il suo intento è quello di impedire che continui l’esistenza di questo enorme divario tra i ricchi e i poveri.

La raccomandazione non fa bene a nessuno, appoggia il ristagno della situazione lavorativa e non dà spazio alla meritocrazia.

Mal di merito. L’epidemia di raccomandazioni che paralizza l’Italiaultima modifica: 2007-11-12T23:22:37+01:00da meritocrazia
Reposta per primo quest’articolo